IL MULINO A PIETRA NATURALE

La macinazione a pietra naturale, più lenta di quella industriale, presenta numerosi pregi rispetto a quest'ultima. E' innanzitutto più naturale, non surriscalda la farina e ne evita l'ossidazione (un processo che impoverisce il prodotto finale). Le farine così ottenute conservano quindi il loro profumo, il loro gusto e la loro digeribilità.

Il giusto equilibrio di sostanze nutritive presenti nei cereali, inoltre, dipende in modo considerevole dal tipo di coltivazione: i pesticidi, gli antiparassitari e i concimi ne alterano sensibilimente le proprietà.

Proprio per questi motivi, le farine utilizzate provengono da cereali coltivati nella nostra azienda agricola biologica, quotidianamente macinati con il mulino a pietra naturale presente in laboratorio: grazie a questo tipo di lavorazione otteniamo una farina meno raffinata (che noi definiamo semi-integrale). Questo prodotto, al contrario delle farine di tipo 0 e 00 che si trovano comunemente in commercio, contiene tutte le proprietà nutrizionali del chicco di grano.
Sono inoltre prive di additivi, enzimi aggiunti, conservanti, stabilizzanti, addensanti, miglioratori, lattosio e altri prodotti chimici utilizzabili come miglioranti, per essere certi di realizzare un prodotto sano e di qualità.

 

Presso il panificio è possibile acquistare le seguenti farine, tutte provenienti da cereali coltivati nella nostra azienda agricola biologica:

  • farina di grano tenero biologica macinata a pietra;
  • farina di grano tenero integrale biologica macinata a pietra;
  • farina di grani teneri antichi biologica macinata a pietra;
  • farina di grano duro Senatore Cappelli biologica macinata a pietra;
  • farina di farro biologica macinata pietra;
  • farina di farro monococco macinata a pietra;
  • farina di segale biologica macinata a pietra;
  • farina di mais ottofile biologica macinata a pietra.

Sono inoltre disponibili:

  • il farro semi perlato biologico (ideale per realizzare primi piatti);
  • il farro monococco semi perlato biologico (ideale per realizzare primi piatti);
  • la crusca e la semola (sia di farro sia di grano tenero).

I GRANI ANTICHI

Quando parliamo di grani antichi ci riferiamo ai cereali coltivati nelle campagne italiane fino agli anni ‘20. Tali varietà si sono adattate spontaneamente al nostro territorio: per questo motivo non necessitano di concimazioni e di pesticidi e si prestano ad essere coltivati secondo i principi dell’agricoltura biologica.
Dai decenni successivi, a causa di un crescente utilizzo di prodotti chimici combinato al desiderio di incrementare le produzioni, tali cereali sono stati sostituiti da nuove varietà, modificate al fine di ridurne l’altezza e aumentarne la resistenza e la resa. Non avendo subito modificazioni genetiche da parte dell’uomo, questi cereali contengono una minore quantità di glutine (risultando più leggeri, digeribili e assimilabili da parte del nostro organismo) a favore di un buon tenore di proteine. Le varietà antiche, inoltre, sono particolarmente ricche di sali minerali.
Proprio grazie ad un’alimentazione a base di cereali con basso tenore di glutine si riesce a ridurre la possibilità di sviluppare in futuro una sensibilità o intolleranza ad esso.

Il mulino

Farro semi perlato biologico

PAGINA FACEBOOK:

PROFILO SU TRIPADVISOR:

FOTO E GRAFICA: